Musei di Villa Torlonia

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > Museo della Villa > Camera di Psiche > Diana cacciatrice
Scuola di Bertel Thorvaldsen
Diana cacciatrice
Scultura
metà del XIX sec.
Marmo di Carrara

Salvo che per l’arco e la faretra, la Diana Torlonia con cane (la testa ricostruibile con foto d’archivio presentava lineamenti idealizzati, capigliatura a ciocche sulla fronte e raccolta sulla nuca, con due riccioli che scendevano sul collo) appare fuori dei canoni tradizionali.
 Il chitone, infatti, è aperto ai lati e lascia scoperte le gambe, in modo inconsueto per l’iconografia antica, ma secondo una modalità presente nella scultura del primo settecento (v. Diana cacciatrice di Palazzo Orsini ora a Berlino e una Diana dei Giardini di Boboli) che si ritroverà fino alla metà del XIX secolo (ninfa in gesso del teatro di Villa Torlonia).
 Lo stile della statua è comunque un neoclassico accademico, come testimonia la rigidità artificiosa delle pieghe del chitone che contrasta con le accurate rifiniture decorative di alcuni particolari (fibula a forma di fiore, faretra ornata all’estremità con foglie lanceolate ecc.).
 L’opera sembra ricollegabile alla scuola del maestro danese Thorvaldsen ed è identificabile con la Diana di Palazzo Torlonia (Piazza Venezia), realizzata da Ercole Dante, scultore impegnato nelle decorazioni di Villa Torlonia.

Provenienza: dal Parco di Villa Torlonia, tra il Casino dei Principi e le Scuderie Vecchie

torna al menu di accesso facilitato.


Leggi le recensioni su: Musei di Villa Torlonia

torna al menu di accesso facilitato.