Testa di donna

Testa di donna
Autore: 

Bottega Cavaceppi

Tipologia : 
Scultura
Anno: 
Materia e tecnica: 
Marmo di Carrara
Provenienza: 
ignota, rinvenuta nei sotterranei del Teatro di Villa Torlonia
Inventario: 
Collezione: 

La testa femminile, in marmo di Carrara, è stata rinvenuta di recente nei sotterranei del Teatro della Villa.
 Presenta evidenti segni di fratture al naso e alla bocca; anche il collo risulta spezzato, ed è difficile stabilire se la testa facesse parte di una scultura intera o di un busto.
 E’ di dimensioni maggiori rispetto al reale, ed il viso mostra lineamenti tipicamente classici, con i capelli raccolti e due ciocche che cadono sulla fronte, al di sotto delle quali s’intravede una fascetta.
 Da alcuni particolari, è possibile affermare che l’opera non fosse “finita” e riconducibile in ambito cinquecentesco.
 E’ presumibile che la scultura facesse parte delle opere antiche che, presso lo studio del Cavaceppi, venivano rilavorate per essere riutilizzate con parti moderne.

Opere della sala

La sala

Camera di Psiche

Di fronte alla Stanza a “Berceau” è la Camera di Psiche, così detta per le pitture di Pietro Paoletti eseguite nella volta, che raccontano la “Storia di Psiche “.
Il ciclo è ispirato agli affreschi raffaelleschi della Farnesina, così come spesso si ritrova in vari palazzi nobiliari.
Le scene rappresentate sono: Amore che incorona Psiche, Psiche e Giove, Psiche davanti a Venere, Psiche e Amore dormiente, Amore e Giove e, nel centro della volta, Mercurio che introduce Psiche al cospetto di Giove.

Potrebbe interessarti anche