Museo online

Appuntamenti speciali grazie ai quali visitare il museo da casa e approfondirne la storia e il patrimonio. Si tratta di tour virtuali e videoracconti arricchiti da testimonianze audio e immagini per raccontare il museo e i suoi capolavori.

Casino Nobile Sala Egizia

VIDEO DI PRESENTAZIONE

All'interno di Villa Torlonia, due gli edifici storici destinati a sedi museali: l'ottocentesco Casino Nobile, che ospita il Museo della Villa e la collezione di opere della Scuola Romana, e il Museo della Casina delle Civette, dedicato alla vetrata artistica. Il Casino dei Principi è sede dell'Archivio della Scuola Romana e ospita mostre temporanee.

Tra storia, natura e suggestioni lontane, il complesso della Serra Moresca è stato restaurato ed è aperto al pubblico. Con le sue lucenti vetrate policrome e l'elegante struttura in peperino, ferro e ghisa, la Serra costituisce un unicum nella Roma d'inizio Ottocento e rievoca ancora oggi l’atmosfera che accoglieva gli ospiti del principe Torlonia. Immergetevi nella meravigliosa architettura ispirata all’Alhambra di Granada, per ammirare gli affascinanti giochi di luce, la grotta artificiale, i laghetti e la raccolta di piante esotiche!
La Serra Moresca di Villa Torlonia

TOUR VIRTUALE

Il tour virtuale dei Musei di Villa Torlonia/Casino Nobile, accessibile da tutti i device, offre un viaggio alla scoperta della bellezza del patrimonio attraverso un’esperienza digital che supera i limiti spaziali nella quasi totalità dello spazio museale. Grazie ai comandi appositi è possibile spostarsi virtualmente all’interno del museo, leggere i pannelli esplicativi delle sale e delle opere, zoomare e ruotare a 360° le immagini, scorrere gallerie fotografiche e video e godere di altri contenuti di contesto. La sezione Da non perdere, che contiene un pratico elenco visuale di opere o sale selezionate, rappresenta uno strumento utile per chi non conosce il museo e lo visita per la prima volta: cliccando su una sala, per esempio "Sala di Bacco", l’utente è trasportato virtualmente tra le pareti affrescate con le Storie del mito di Bacco, le Stagioni e i tre Continenti.Il tour è inoltre arricchito da mappe intelligenti che seguono il visitatore mentre passa da una stanza all’altra, segnalando sale o opere non ancora visualizzate. Infine, grazie a droni di ultima generazione, è possibile spiccare il volo e vedere sale e opere dall’alto, godendo di un'ulteriore e inedita prospettiva di visita.

> Inizia il tour virtuale

CONVERSAZIONE TELEFONICA CON GIULIA MAFAI

Giulia Mafai è intervistata da Antonia Rita Arconti, Responsabile del Museo e Archivio della Scuola Romana. Testimone di eccezione per una visita a distanza del Museo della Scuola Romana a Villa Torlonia è Giulia Mafai, figlia dei due importanti artisti Mario Mafai (1902-1965) e Antonietta Raphaël (1895-1975) romano il primo, lituana la seconda, un sodalizio di arte e vita, protagonisti entrambi di un rinnovamento antiaccademico del linguaggio figurativo italiano, a partire dagli anni giovanili in cui hanno abitato nella casa di via Cavour a Roma frequentata da tanti amici letterati e artisti, da cui il termine Scuola di via Cavour coniato per loro nel 1929 dal critico Roberto Longhi. Le loro figlie Miriam, primogenita nata nel 1926, giornalista scrittrice e politica, Simona, nata nel 1928, attivista politica e senatrice, ed infine Giulia, nata nel 1930, costumista e scenografa, sono state donne di grande impegno e visibilità per le loro reciproche attività, e nella loro infanzia, soggetto privilegiato delle opere di entrambi i genitori. Il Museo della Scuola Romana di Villa Torlonia ospita molte opere dei due artisti.

Interni familiari

Le tre sorelle

Lezione di piano

ATHENAE NOCTUA LA SIGNORA DELLE TENEBRE

Il tema che più incuriosisce i visitatori del Museo della Casina delle Civette è la presenza di questo misterioso rapace notturno, non solo nella denominazione dell'edificio ma soprattutto ovunque nella decorazione. La domanda che più ricorre è quella sui suoi significati positivi e negativi e sulla storia della sua simbologia. Otto incontri narrativi, proposti da Radio Civette, vogliono illustrare il significato simbolico e l'iconografia della civetta, misteriosa creatura della notte, che da sempre ha influenzato l'immaginario collettivo, diventando protagonista dell'arte, delle fiabe, dei romanzi e del cinema. Una breve storia che ci mostra come dall'antichità fino a oggi, presso tutti i popoli e tutte le culture, i rapaci notturni abbiano evocato il rapporto tra l'uomo e la parte più oscura e ignota della Natura, suscitando di volta in volta sentimenti di fascinazione o di angoscia. La Casina delle Civette in Villa Torlonia racchiude nell'edificio e nelle sue decorazioni le più profonde valenze simboliche di questo rapace notturno, che, su committenza di Giovanni Torlonia Jr., principe misterioso e saggio, venne rappresentato in maniera quasi ossessiva nei dettagli architettonici, nelle vetrate e nell'arredo, purtroppo oggi in gran parte perduto.

Dalla Preistoria all’Età del Bronzo

Dagli Egizi ai Romani

Le civiltà extraeuropee

Il Medioevo

L'Età Moderna

Il Romanticismo

XX e XXI secolo - 1a parte

XX e XXI secolo - 2a parte

VIDEORACCONTI DEDICATI AL CASINO NOBILE

La lettura di alcuni stralci di un testo del 1842 ​di Giuseppe Checchetelli ci restituiscono la storia del Casino Nobile, uno degli edifici più significativi presenti nella Villa. Vivace e popolare giornalista, appassionato di cultura e poi di politica al tempo delle riforme di Pio IX e della Repubblica Romana, dirigente del partito unitario clandestino di Roma, Cecchetelli descrive con gusto e dovizia di particolari, il risultato degli ingenti lavori di rifacimento e abbellimento della Villa voluti dal Principe Alessandro Torlonia e affidati all’architetto Giovan Battista Caretti e alla sua cerchia di artisti collaboratori, fornendoci la migliore guida per uno sguardo colto e inedito sui lavori “magnifici” voluti da Alessandro Torlonia, a sua maggior gloria. La lettura è introdotta da un breve commento del Funzionario Responsabile di Villa Torlonia, la dott.ssa Annapaola Agati.

Primo episodio

Secondo episodio

Terzo episodio